Gli ultimi dati inviati dalla sonda Cassini, prima del “Gran Finale” dello scorso anno, potrebbero aver anticipato un clamoroso scenario futuro per Saturno. Ebbene, stando a quanto descritto sullo speciale di sei pagine pubblicato su Science, l’anello più interno del sesto pianeta del Sistema Solare sarebbe a rischio.

Il motivo è da ricercare da una nube di polveri con diversi composti chimici che viene sparata dall’anello verso l’atmosfera esterna di Saturno. L’atmosfera stessa, visti i cambiamenti dovuti a una vera e propria tempesta chimica, è destinata a modificarsi nel tempo.

Acquista su Amazon!

L’atmosfera di Saturno, composta prevalentemente da carbonio e ossigeno, andrebbe a modificarsi per il sopraggiungere di dosi massicce di azoto molecolare, metano, monossido e diossido di carbonio e ammoniaca. In particolare verrebbe distrutta parte della ionosfera, riducendone la densità. La questione è nel “rifornimento” di questo materiale chimico sparato a velocità insospettabili, destinato a terminare col tempo così come accaduto anche a Giove: e a quel punto l’anello D, quello più interno, scomparirà…

SHARE